Escursioni Libere

    In seguito troverete tutte le escurzioni autonome che potrete fare in compagnia di tutta la famiglia.

    MATERA

    Distanza da San Chirico Raparo 1 H e 40 min. (106 Km)

    Nota con gli appellativi di "Città dei Sassi" e "Città sotterranea". E' conosciuta per gli storici rioni Sassi che fanno di Matera una delle città ancora abitate più antiche al mondo. I sassi nel 1993 sono stati riconosciuti Patrimonio dell'umanità da UNESCO, primo sito dell'Italia meridionale a ricevere tale riconoscimento.

    Da vedere anche: Cattedrale di Matera, Chiesa di San Giovanni Battista, Chiesa di San Francesco d'Assisi, Palazzo dell'Annunziata, Castello Tramontano.

    ALIANO

    Distanza da San Chirico Raparo 41 min (32 Km)

    Aliano (MT) è noto per essere stato il luogo in cui trascorse parte del suo periodo di confino lo scrittore Carlo Levi che lì si fece seppellire.

    Da vedere: Il Museo Storico Carlo Levi in cui sono conservati documenti fotografici e pittorici dell'artista; casa di Carlo Levi, Museo civiltà contadina.

    Festival di Aliano ultima settimana di Agosto.

    MARATEA

    Distanza da San Chirico Romano 1H e 51 min. (77,7 km)

    Maratea è un piccolo comune italiano, unico centro abitato della Basilicata ad affacciarsi al mar Tirreno. E' una delle principali mete turistiche della regione tanto da essere soprannominata "La Perla Del Tirreno" per i suoi pittoreschi paesaggi ed il suo patrimonio artistico.

    SCAVI DI GRUMENTUM

    Distanza da San Chirico Raparo 41 min. (36,0 km)

    Gli scavi di Grumentum sono situati all'interno del Parco Nazionale dell'Appennino lucano. Il sito di Grumentum rappresenta uno dei pochi casi in Italia in cui si possono ammirare i resti di un patrimonio storico archeologico, percependo la forma di una tipica città romana abbandonata e mai più reinserita.

    BRIENZA

    Distanza da San Chirico Raparo 59 min. (65,1 km )

    L'affascinante borgo medioevale dominato dal castello Caracciolo fa di Brienza un luogo da scrutare per conoscerne il passato e viverne il presente e le sue bellezze ambientali. Tra i vari vicoli sorgono palazzi nobili con androni finemente lavorati e portali, il più bello dei quali si può riconoscere nel "Chiazzino", posto proprio dove un tempo si trovava l'accesso principale al borgo.

    GOLFO DI POLICORO

    Distanza da San Chirico Raparo 1 H e 2 min. (72,1 km)

    Policoro, sorge al centro del Golfo di Taranto, nelle vicinanze del fiume Agri, sulla fertile pianura di Metaponto e pochissimi chilometri dal mare.

    Passato che ferve nel Museo Archeologico Nazionale della Siritide, proprio attiguo al Parco, nei cui pressi si trovano anche il Santuario di Demetra e il Tempio di Dioniso, del VII secolo a. C.. Come Metaponto, anche la città di Policoro si distingue come importante centro balneare della regione e della costa ionica, grazie anche ad un cospicuo numero di strutture ricettive e balneari di qualità, luogo ideale per una vacanza tra mare e cultura da non dimenticare.

    CASTELLO DI MELFI

    Distanza da San Chirico Raparo 2 H e 13 min. (154 km)

    E' uno dei più importanti castelli medievali d'Italia. Sorge su una collina di origine vulcanica imponendosi allo sguardo con le sue 10 torri.

    Al piano terra del castello è ospitato il Museo Archeologico Nazionale del Melfese, in cui è custodita l’importante documentazione archeologica rinvenuta nel comprensorio dell’area, mentre nella torre dell’Orologio si può apprezzare il Sarcofago romano.

    PASSEGGIATE PER GRANDI E PICCINI

    fr it en

    BOSCO FAVINO

    Passeggiata di 6 km nella faggeta del bosco Favino alle pendici del Monte Alpi e area picnic con tavoli.

    L'affascinante borgo medioevale dominato dal castello Caracciolo fa di Brienza un luogo da scrutare per conoscerne il passato e viverne il presente e le sue bellezze ambientali. Tra i vari vicoli sorgono palazzi nobili con androni finemente lavorati e portali, il più bello dei quali si può riconoscere nel "Chiazzino", posto proprio dove un tempo si trovava l'accesso principale al borgo.

    BOSCO FIEGHI CERRETO

    Passeggiata nel bosco Fieghi-Cerreto alle pendici del Monte Raparo con area picnic. Primo sentiero di 3 km e secondo sentiero 1 km (vecchio casolare della Forestale).

    Percorrendo l'antica strada panoramica che collega San Chirico Raparo a Castelsaraceno, ci si addentra nel rigoglioso bosco di querce grazie ad un comodo sentiero; l'ambiente è impreziosito dalle belle fioriture di orchidee spontanee, lampascioni, crocus, esemplari di scilla bifolia, primule, bocche di lupo e ciclamini. Dopo un tratto in leggera salita, si prende quota fin sulla riva di un torrente che, fuorchè nella stagione estiva, scorre tra i candidi calcari: lo si risale per un lungo tratto, grazie al comodo sentiero ombreggiato da querce ed agrifogli. Salendo si entra nell'areale del Faggio, si risalgono i fianchi di "Valle lunga" per giungere in prossimità del bivio stradale che conduce a Raparello; da qui si imbocca la stradina in cemento che con i suoi tornanti conduce al Santuario della Madonna della Rupe, uno dei punti panoramici più belli del medio Agri.

     

    CASCATA DI CASTRONUOVO

    Passeggiata di 2 km alla cascata (Maestro Ciardo) di Castronuovo di Sant'Andrea e area pic nic. Distanza da San Chirico: 34 min. (18km)

    TORRE SAN VITO

    Passeggiata di 2 km da Piazza Roma di San Chirico Raparo al belvedere della Torre San Vito.

    BOSCO SAN CHIRICO RAPARO

    Passeggiata di 5 km nel bosco comunale di San Chirico Raparo per passare del tempo in famiglia e la raccolta di ottime castagne.

    PASSEGGIATE GIORNALIERE

    PRIMO ITINERARIO

    Un escursione lunga ad anello, cugno di mezzo-cima del monte raparo-croce di raparo-valle lunga-foresta regionale fieghi cerreto.

    Si parte da una sorgente ai piedi del Monte Raparo, in una profonda vallata tra le cime del massiccio che prende il nome di "Cugno di Mezzo" fino ai pascoli sommitali e alla cima del Monte Raparo (1764 m) dove si può godere di un bellissimo panorama. Continuando l'escursione si arriva al belvedere di Croce di Raparo, si atraversa Valle Lunga con mucche podoliche, cavalli al pascolo e la stupenda foresta regionale Fieghi-Cerreto.

    Duata: 7 ore Difficoltà: media Lunghezza: 14 km Terreno: asfaltato, sterrato, sentiero

    SECONDO ITINERARIO

    Escursione dal rifugio di croce di Raparo-Cima del monte Raparo-Verro Croce/La Bannera.

    Si percorre con questo itinerario la via classica: si tratta della strada più frequentata e la più semplice per giungere fino alla cima del Monte Raparo (1764 km). Dopo una pausa ristoratrice si può scegliere di raggiungere una delle cime secondarie del massiccio Verro Croce (162 m) oppure cima la Bannera (1703 m). Da ognuna delle due cime si gode di uno stupendo panorama, si possono osservare i borghi della Val d'Agri, i calanchi argilloso di Aliano, i borghi del Pollino e le principali vette dell'Appennino meridionale.

    Durata: 6 ore Difficoltà: media Lunghezza: 11 km Terreno: sterrato, sentiero.

    TERZO ITINERARIO

    Escursione sulle cime gemelle del monte Alpi. Una bellissima escursione per conquistare due delle cime più belle del nostro territorio si tratta di un complesso montuoso tra i più affascinanti dell'intero Parco del Pollino.

    Si parte dalla faggeta del bosco Favino e saliremo sulla cima Santa Croce (1895 m) per poi raggiungere lungo il suggestivo crinale e un panorama mozzafiato la cima più alta Pizzo Falcone (1900 m). Da questo punto la vista spazia a 360° e si possono vedere i centri abitati di Castelsaraceno e Latronico, il Monte Raparo, il sistema argilloso dei calanchi argillosi di Aliano, Montalbano, la costa tirrenica e le vette più alte del Cilento e del Pollino.

    Durata: 6 ore Difficoltà: esperta Lunghezza:11 km Terreno: sterrato, sentiero

    Questa escursione è sconsigliata a chi soffre di vertigini.

    QUARTO ITINERARIO

    Passeggiata nella Faggeta del Bosco Favino e al Belvedere del Monte Alpi e Pini Loricati.

    Una bellissima passeggiata nella Faggeta di Favino tra le più belle foreste del Parco del Pollino impreziosita dal Pino Loricato, una conifera che in Italia, si limita ad alcune zone del Parco del Pollino e che è considerato un relitto botanico della preistoria. Comodi sentieri adatti a tutti anche ai bambini ci porteranno nel cuore verde della foresta fino al belvedere sotto la parate ovest del Monte Alpi.

    Durata: 3 ore Difficoltà: facile Lunghezza: 6 km Terreno: sterrato, sentiero

    QUINTO ITINERARIO

    Escursione dal rifugio di croce di Raparo-Cima del Monte Raparo.

    Si percorre con questo itinerario la via classica: si tratta della strada più frequentata e la più semplice. Si parte dalla località Croce di Raparo belvedere sulla Val d'Agri, il sentiero attraversa bellissimi prati sommitali, pascoli in estate di mandrie di podoliche e cavalli allo stato brado fino ad arrivare alla cima del Monte Raparo (1764 m). Dalla cima si gode di uno stupendo panorama. Dopo una pausa ristoratrice si ritorna indietro dalla stessa strada.

    Durata: 4 ore Difficoltà: media Lunghezza: 7 km Terreno sterrato, sentiero

    Si consiglia abbigliamento adeguato alla stagione, scarpe da trekking, acqua e pranzo al sacco.